Viale Gorizia, 29 Roma - tel. 0685354165
ACADEMY STREET (M. COSTELLO - BOLLATI BORINGHIERI)

Che gioia, trovare un nuovo romanzo meraviglioso. E' Academy Street, di Mary Costello, scrittrice irlandese alla sua prima prova con un romanzo, prova riuscitissima.
La storia inizia nell'Irlanda dell'Ovest nel 1944, Tess č figlia di un possidente un po' burbero e di una donna bella e gentile, e condivide gli spazi verdi e grandi della tenuta di famiglia con due fratelli e tre sorelle. Il suo destino č quello perō di emigrare a New York, dove trascorrerā tutta la sua vita. Il libro č stato accostato a Stoner, di John Williams, a ragion veduta. Aldilā della storia, che č la storia di una vita, la scrittrice va a fondo nei moti dell'animo, con una sinceritā, una totalitā che raramente si incontra. Tess č quella donna che resta incinta di un uomo che farā presto a dimenticarla, una di quelle donne che vediamo arrabbattarsi tra il lavoro e la casa, l'educazione solitaria di un figlio, la ricerca ad un tratto spasmodica di vicinanza fisica, il rifugio nei libri, nei silenzi, nella capacitā di trovare lo straordinario non nell'ordinario, ma nell'aria primaverile, nel canto di un uccello, nel vorticoso cammino delle persone intorno a lei. Il libro č breve, ma tale č la profonditā dell'indagine sui sentimenti che Tess rimane radicata dentro di noi.
Un passo, per dare un'idea di quella che č la scrittura: "Ultimamente, l'idea che tutto ciō che conta e che la emoziona - gli alberi, i campi, gli animali - abbia una vita propria, pensieri propri, si č radicata dentro di lei. Dove c'č vita c'č memoria, riflette. Tracce e ricordi di sua madre sono sicuramente disseminati per tutta la casa; nelle stanze, per le scale, nei corridoi. (...) Chissā se anche le cose lā fuori - il cortiletto e il pollaio - sentono la sua mancanza? Se la pianta di alloro serba memoria di averla tenuta in ombra. Tess si guarda le mani. E nel momento stesso in cui questi pensieri prendono forma, ha la certezza che non riuscirā mai a esprimerli con le parole."
Un romanzo, č proprio il caso di dirlo, di straordinaria bellezza.

Vale G